english español français nederlands português italiano
International Federation for Spina Bifida and Hydrocephalus
home cerca sitemap contatti disclaimer
International Federation for Spina Bifida and Hydrocephalus - Homepage

Introduzione

Filosofia dei progetti di IF

Idrocefalia nei paesi in via di sviluppo

Ricerca nei paesi in via di sviluppo

Gruppi di Partners e Genitori

Valutazione dei progetti di IF

Pubblicazioni di IF

Letteratura specifica

Partners nella cooperazione allo sviluppo

 

Paesi in via di sviluppo

Spina Bifida nei paesi in via di sviluppo

La Spina Bifida è una condizione che non può essere curata. In molti casi diversi interventi chirurgici sono necessari, come la chiusura della schiena dopo la nascita.

Buone cure mediche e una formazione intensiva possono prevenire molte complicazioni. Negli ultimi anni il trattamento della spina bifida è migliorato e ha aumentato la speranza di vita per questi bambini.
In particolare, gli sviluppi nella gestione della continenza e nella prevenzione delle complicazioni urologiche hanno migliorato la qualità di vita.

Guidelinee per il trattamento della Spina Bifida
La dott.ssa Carla Verpoorten, medico di fiducia di IF, ha preparato un documento sulla cura dei bambini con la spina bifida nei paesi in via di sviluppo.
Guidelinee per la gestione della spina bifida sono state preparate dai partecipanti del XII seminario  CPEP a KCMC, nel settembre del 2000, coordinato dal dott. M. Oneko c/o KCMC, Dipartimento Pediatrico e dal dott. M. Nicol, Dar es Salaam.

La vescica e l’intestino neurogenici
I reni sono particolarmente vulnerabili al danno che deriva dalla pressione e dalla ricorrente infezione nel primo anno di vita. Il 10% dei bambini con mielomeningocele svilupperà una deformità dilatata nel primo anno di vita e il 35% all’età di quattro anni. Inoltre, è stato rilevato che oltre il 50% dei bambini con mielomeningocele hanno una situazione difficile della vescica.
Dunque è di fondamentale importanza un protocollo di gestione per proteggere la funzione renale di questi bambini. L’ambiente sociale di un paese in via di sviluppo richiede un approccio innovativo e  la praticità e l’osservanza sono essenziali per il suo successo.

Leggere il protocollo sulla gestione della vescica neurogenica per i bambini nei paesi in via di sviluppo.

Letteratura:
Fratta A, Bordenave J, Boissinot C, Le Grand J, Esquirol C, Radideau E, Benoit G. Development of an intravesial oxybutynin chloride solution: from formulation to quality control. Ann Pharm Fr. 2005 Mar;63(2):162-6.

Buyse G, Waldeck K, Verpoorten C, Bjork H, Casaer P, Andersson K-E. Intravesical oxybutynin for neurogenic bladder dysfunction: less systemic side effects due to reduced first pass metabolism. J Urol 1998; 160: 892–6

Buyse G, Verpoorten C, Vereecken R, Casaer P. Intravesical application of a stable oxybutynin solution improves therapeutic compliance and acceptance in children with neurogenic bladder dysfunction. J Urol 1998; 160: 1084–7

What volume can a child normally store in the bladder at a safe pressure? Houle AM, Gilmour RF, Churchill BM, Gaumond M, Bissonnette B.  J Urol. 1993 Mar;149(3):561-4. PMID: 8437265

iscriversi alla nostra newsletter

 

 

IF Neurosurgery

Flour Fortification Initiative

Council of Europe

Include Everybody

European Year of Intercultural Dialogue

IFSBH Annual Report 2007

Global Partnership for Disability and Development

Folsaeure

International Disability and Development Consortium